domenica 14 ottobre 2007

HO CONOSCIUTO L'AMORE

persa ma viva Età: 16 Sono una ragazza di 16 anni, troppo pochi forse per parlare di amore e affetti emotivi di qualunque genere. fatto sta che vorrei raccontare a qualcuno la mia storia, e credo che questo sito mi abbia dato questa possibilità... due anni fa scelsi di frequentare un istituto tecnico, frequentato soprattutto da ragazzi (chiarisco il fatto che non l'ho scelto per questo).pochi mesi dopo cominciai a provare qualcosa verso un mio compagno, l'unico che non vestiva alla moda (come tutti gli altri), che se ne stava per i fatti suoi, e che aveva un'ottima media scolastica. Aspettai molto prima di dichiarargli il mio sentimento, decisi infatti che prima ne avrei parlato con qualcuno. Ne parlai proprio con uno dei suoi amici di paese, pensando che fosse la persona adatta. La notizia si diffuse anche ad altri compagni, ma lui non si accorgeva di niente.Solo ad aprile (quindi dopo 6 mesi dall'inizio della scuola) durante la gita scolastica, i miei amici decisero di aiutarmi a rendermi felice e parlarono con lui. Non riesco adesso a giudicare se questo fu una buona cosa o non, in fondo l'interesse era mio. era compito mio parlare con lui. Comunque dopo quella fatidica gita, a scuola i rapporti tra noi migliorarono: sedevamo vicini, ci incamminavamo dalle corriere alla scuola insieme. Un giorno (un giorno che non dimenticherò mai) decisi di fare qualcosa, qualcosa di grande. Durante la nostra solita "passeggiatina" verso la scuola...io lo baciai...si, lo bacia davanti a tutti, fregandomene di chi poteva passare in quel momento. la mia mente era piena di lui, e non c'era posto per la vergogna e la timidezza. stavamo insieme. il mio sogno si era realizzato, e ringraziavo ogni giorno Dio o chi da lassù mi doveva volere proprio bene! Purtroppo la scuola stava per finire e rimanevano pochi giorni per stare insieme. Arrivo l'estate, ma la mia passione non smise di invadere il mio corpo tutte le mattine al risveglio. Ero felice. Passarono i giorni e le settimane e purtroppo ad agosto i rapporti tra noi erano quasi inesistenti. Ma rimasi in silenzio, invasa ancora dalla gioia di amare un ragazzo splendido come lui. Ma una notte decisi che non riuscivo più a far finta di niente e...gli confessai il mio disappunto su tutta la storia (il fatto che non ci sentivamo più mi distruggeva). Da quella notte non ci sentimmo più, fino all'inizio della scuola. Rivederlo dopo tanto tempo mi fece uno stranissimo effetto...lo amavo più di prima! E pensavo che dopo esserci chiariti, tutto sarebbe tornato come prima. L'eccitazione della mattina sparì completamente all'uscita di scuola, quando lui mi disse che non voleva avere un altra storia con me, che c'avevamo provato ma qualcosa non avrebbe funzionato. Tutte le mie convinzione, i miei cardini si distrussero in un respiro. Da quel giorno non ero più me stessa. Cambiai comportamento con lui e con gli altri. Anche il fatto che eravamo nella stessa classe era dolorosissimo, ed ogni giorno era una lottacontinua tra il mio cuore e la mia mente. Provai più volte un riavvicinamento,ma fui sempre respinta. Tornavo a casa, e piangevo. Fino ad adesso sembrerebbela classica storia d'amore adolescenziale. E invece comincio a capire, adesso,che a distanza di tempo, i miei sentimenti verso di lui non sono mutati.Comincio a percepire qualcosa di sorprendentemente speciale il mio sentimento,che comincio a chiamare "amore" (chisà con quali diritti). Adesso non siamopiù nella stessa classe, pensavo che questo mi avrebbe facilitato le cose, mapoi lo rivedo all'uscita e sento che il cuore comincia a prendere un ritmodiverso, mi sento morire: cose che provo per due anni di seguito. Ormai è chiaro che lui è altrove e mi ha lasciata da sola in questo lambo di terra solitaria, e mentre lui ha già un nuova vita (fatta di amici e forse anche di amori), io resto ancora qui ad aspettarlo. Non riesco a staccarmi da lui, che è la cosa che mi fa soffrire di più al mondo. é un pò come dire che non vogliostaccarmi dalla sofferenza, che fa parte di me, e che il mio soffrire in fondomi fa stare bene..è la mia dose di ma l'essere, e deve essere presa aintervalli regolari. Continuo a sperare...e questo mi distrugge, mi lacera, mi spezza l'anima, quest'anima che è già malandata di suo. Non vedo altriorizzonti che lui. E più cerco di scacciare il dolore, più lo ricerco. Paragono il mio amore ad una droga. Fa male ma la desideri più di ogni altra cosa...Inoltre sono diventata molto sensibile ad ogni forma di dolore e sofferenza (amorosa e non). Ci vuole un niente per farmi singhiozzare..non so se sia un bene o un male..so solo che sono chiusa in un vortice, e non so se ne usciròmai. Solo lui potrebbe salvarmi...credo di aver conosciuto tutta l'essenza di uno dei sentimenti più nobili e gentili dell'universo: l'amore.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

ciao tesoro,
ho letto la tua lettera..
stavo x piangere..capisco po cs provi anche xk io sto passando lo stesso !! ilragazzo k io amo nn m vuole dice di voler stare sl xo sta fraquentando la sua ex !!!!
cmq qnd hai voglia di sfogarti qst è il mio contatto MAO_4_EVER@HOTMIL.IT..un bacio francesca !!

Vernon ha detto...

Ciao,sono capitato per caso in questa pagina(cercavo tutt'altro,sempre correlato al tema ovviamente) sono un pò più grandicello di te,ma l'età non conta,le passioni e le sofferenze sono uguali a qualsiasi età,beh vorrei dirti che ci sono passato anch'io,sia nei tuoi panni che in quelli suoi,forse nei suoi mi sento più stronzo e basta,forse perchè lo sono diventato col passar del tempo,perchè non ho creduto più nell'amore,ma anch'io ho quei momenti in cui sono più sensibile del solito,proprio come hai scritto tu,mi stupisce ritrovarmi in altre persone,quasi mi solleva,vuol dire che forse stronzo stronzo non lo sono,forse c'è ancora del buono in me,cmq vorrei poterti dare dei parei,magari suggerimenti,non consigli,quelli non sono capace a darli,molti non lo sono,ma non tutti lo sanno.. =) beh ti mando un saluto,e spero non mi prenderai per matto =)
In bocca al lupo per tutto,e credimi,la vita continua con o senza certe persone...pensa prima a te stessa,cerca prima te stessa e solo una volta trovata starai bene con quello che ti circonda.
Ciao

Anonimo ha detto...

Ciao pikola...voglio consolarti un pò,...x qnt mi riguarda è da 4 anni ke sn innamorata del mio compagno d klasse...nn so ks abbia d ksì speciale da tenermi intrappolata a sè...forse il mio amore, km il tuo, ha raggiunto il suo apice in qst persone ke ora sn diventate 1 pò la nostra parte mankante, il nostro universo nel ql potersi rifugiare qnd il ricordo fa male...vorrei tnt poterlo dimentikare, ma + il tempo scorre e + mi akorgo ke forse è davvero impossibile, xkè è impossibile cancellare il proprio passato, è impossibile uccidere un pezzettino del proprio cuore...nn so se mai riuscirò ad andare avanti, ank xkè c ho provato ben 3 volte, ma alla fine mi sn sempre resa conto ke nexn è km lui, ke sl lui mi fa provare certe emozioni...cmq è importante concentrarsi su altro x alleviare leggermente il dolore o x soffocare il ricordo, almeno x 1 pò...t abbraccio